Apple iPad: Il prossimo acquisto tecnologico? Forse.

Ieri, prima dell’evento Apple per presentare il nuovo iPad, scrivevo su Twitter: “I don’t want a bigger iPhone: the Apple Tablet will be different!”.

In effetti è un aggeggio molto accattivante che potrebbe riempire i buchi in cui l’iPhone non basta e il portatile (che nel mio caso è un 17”) è troppo pesante/scomodo/che non vale la pena accendere/etc.

La mia idea è che l’iPad riesca a sostituire completamente il computer per tutto ciò che esula dall’utilizzo di applicazioni “non standard”: ambienti di sviluppo per programmatori, software CAD per architetti e così via. In questo le applicazioni web, molte di quelle già presenti nell’AppStore per iPhone e le future sviluppate appositamente per iPad aiuteranno molto…

Trovo anche parecchio interessante l’applicazione iBooks, che potrebbe sostituire nella forma un Kindle (ho pensato più volte di comprarlo ma non mi ha mai convinto troppo l’idea di avere un solo device per leggere libri) anche se uno schermo e-ink potrebbe fare una forte differenza nella lettura prolungata…

Visto il suo prezzo concorrenziale sarò molto tentato di acquistarlo ma la cosa però che spero sarà possibile – anche se attualmente non ne vedo menzione – è la possibilità di sfruttare la connessione 3G (almeno) dell’iPhone, magari attraverso il tethering già utilizzato per condividere la connessione con il computer! La sola possibilità di connettersi in WiFi mi sembra troppo riduttiva per un utilizzo al di fuori del casalingo e acquistare la versione WiFi+3G lo trovo davvero inutile se si ha già uno smartphone in grado di condividere la sua connessione…per non dire che significherebbe piegarsi forse un po’ troppo ai dettami del marketing Apple.

UXConference: le mie riflessioni

Come si intuisce dal titolo, questo post non vuole essere né una recensione, né un riassunto della conferenza ma alcune semplici riflessioni del sottoscritto che è stato spettatore durante questa interessante giornata a Lugano.

La conferenza verteva su quattro macro-temi principali (Strategie e Innovazione, Design agile, Mobilità, Giocabilità) intorno ai quali le presentazioni non hanno seguito un rigido e circoscritto percorso ma sono state realizzate sulla base della fantasia e delle competenze dei singoli relatori, pur restando all’interno dello schema di interesse prefissato.

Si è parlato molto di mobilità, sin dall’apertura della conferenza di Massimo Pettiti sulle tecnologie mobile, la storia e la crescita di questo settore in Italia ed alcune previsioni sul futuro, fino a quanto queste potranno cambiare sempre più il modo di integrare la tecnologia con la nostra vita; su questi ultimi temi si è spinto abbastanza avanti con vari esempi interessanti Fabio Sergio di Frog Design.

Alessandro Galetto di H3G ha parlato della storia dei servizi mobile dal 2000 fino ad oggi, dell’evoluzione dei servizi che le compagnie telefoniche potrebbero realizzare e di integrazione sulle piattaforme mobile degli status dei vari social network in modo da non dover rimbalzare da un sito all’altro o da un’applicazione all’altra per rispondere ai commenti degli amici (io credo molto in questo e ci penso da un po’).

Non sono mancate le presentazioni in stile “accademico” ma comunque di sicuro interesse applicativo come quelle di Stefano Bussolon (“UX e motivazioni.”), Monica Landoni & Marco Pasch (“DEDUCE: Design of new tools to espress emotions during User Centered Evaluation.”) ed Elisa Rubegni (“Design for fountains: progettare modalità di interazione in luoghi pubblici”).

Molto simpatica la presentazione di Francesco Cirillo – meglio conosciuto come creatore della Tecnica del Pomodoro, adottata tra l’altro durante ogni presentazione della conferenza – dal titolo provocatorio “Design emergente: più cambiamenti, più profitti.” dove ha cercato di convincere il pubblico (nel mio caso non ce n’era bisogno :)) sulla bontà delle varie tecniche Agile sia per lo sviluppo del software che per la gestione dei progetti in modo da arrivare a sistemi software più manutenibili e meno complessi al crescere di cambiamenti e funzionalità. Troppo lungo da spiegare qui ma se vi interessa possiamo approfondire in separata sede!

Infine Leandro Agrò, nel presentare in modo accattivante il concetto di Internet Of Things, portato avanti dalla sua azienda WideTag, ha fornito una dimostrazione di iCrocco: un divertente esempio di social hardware…e a questo punto non ci si può esimere dal nominare Arduino, azienda italiana che sviluppa uno dei più famosi sistemi di hardware open source che sta trovando innumerevoli applicazioni.

Quando sento parlare di argomenti che mi interessano e soprattutto degli aspetti innovativi e previsioni future, non posso fare a meno di farmi venire in mente delle idee su qualcosa da realizzare e ovviamente non potevano mancare anche in questo caso!
Credo molto nell’Internet Of Things e nel fatto che ci sarà qualcosa da dire in merito nel futuro prossimo. Penso anche che le applicazioni mobile siano solo agli inizi (e grazie all’iPhone, che è stato un apripista non da poco), ma anche in questo settore c’è ancora molto da sviluppare e le varie piattaforme (iPhone, Android, Symbian, Windows Mobile, etc.) attualmente sono troppo distanti tra loro mentre la direzione giusta è quella dell’integrazione (così come tempo fa lo fu il web VS le applicazioni client/server). Anche riguardo ai social media FriendFeed è un buon servizio di integrazione dei vari feed personali ed ottimo sistema per creare conversazioni ma se le piattaforme continueranno ad aumentare diventerà sempre più complesso gestirle per gli utenti…
Insomma ci sarà sicuramente da divertirsi…e questo è buono! :)

Reblog this post [with Zemanta]

Organizzarsi è bene, con gli strumenti giusti è meglioOrganizzarsi è bene, con gli strumenti giusti è meglio

Al crescere dei progetti professionali e personali, delle e-mail, delle persone con cui restare in contatto e – banalmente – di tutte le cose da fare e le varie scadenze da non mancare, è sempre più difficile riuscire a portare tutto a termine, bene e in tempo; in particolare se non si ha un valido metodo per organizzarsi.

Io uso già da un po’ il sistema GTD di David Allen, diventato abbastanza famoso negli ultimi anni e devo dire di averne tratto molti benefici. Parlerò in altri post dei diversi aspetti interessanti di questo metodo piuttosto semplice da comprendere ed applicare e se usato con attenzione può essere molto potente e risolutivo.

Oggi volevo semplicemente segnalare uno strumento interessante che ho scoperto recentemente: si chiama Evernote e serve per la gestione di note (testo, audio ed immagini) tramite tool che si possono installare su PC, Mac, Linux ed iPhone e ovviamente anche tramite un’interfaccia Web (precondizione necessaria e sufficiente per essere scelto da me :)). Nel mio caso sto utilizzando Evernote per gestire tutto il flusso della metodologia GTD ma potete ovviamente farne l’uso che vi sembra più appropriato.

In precedenza ho utilizzato Google Notebook e Zoho Notebook. Il primo è sicuramente un ottimo prodotto ma non è più supportato da Google mentre il secondo è meno intuitivo e manca di una funzionalità fondamentale: la ricerca!

Per concludere: con Evernote posso lavorare sulle mie note sia sul PC che sul Mac tramite un’applicazione molto immediata. Se sono in giro posso controllare ed aggiornare ogni cosa via web ed ho accesso ai dati anche dal mio iPhone. Tutto viene automaticamente sincronizzato da Evernote online in modo da avere sempre dati in tempo (quasi) reale sui diversi device.

Reblog this post [with Zemanta]

Al crescere dei progetti professionali e personali, delle e-mail, delle persone con cui restare in contatto e – banalmente – delle cose da fare e delle varie scadenze da non mancare, è sempre più difficile riuscire a portare tutto a termine, bene e in tempo; in particolare se non si ha un valido metodo per organizzarsi.

Io uso già da un po’ il sistema GTD di David Allen, diventato abbastanza famoso negli ultimi anni e devo dire di averne tratto molti benefici. Parlerò in altri post dei diversi aspetti interessanti di questo metodo piuttosto semplice da comprendere ed applicare e se usato con attenzione può essere molto potente e risolutivo.

Oggi volevo semplicemente segnalare uno strumento molto utile che ho scoperto recentemente: si chiama Evernote e serve per la gestione di note (testo, audio ed immagini) tramite tool che si possono installare su PC, Mac, Linux ed iPhone e ovviamente anche tramite un’interfaccia Web (precondizione necessaria e sufficiente per essere scelto da me :)). Nel mio caso sto utilizzando Evernote per gestire tutto il flusso della metodologia GTD ma potete ovviamente farne l’uso che vi sembra più appropriato.

In precedenza ho utilizzato Google Notebook e Zoho Notebook. Il primo è sicuramente un ottimo prodotto ma non è più supportato da Google mentre il secondo è meno intuitivo e manca di una funzionalità fondamentale: la ricerca!

Per concludere: con Evernote posso lavorare sulle mie note sia sul PC che sul Mac tramite un’applicazione molto immediata. Se sono in giro posso controllare ed aggiornare ogni cosa via web ed ho accesso ai dati anche dal mio iPhone. Tutto viene automaticamente sincronizzato da Evernote online in modo da avere sempre dati in tempo (quasi) reale sui diversi device.

Reblog this post [with Zemanta]